CAFFÈ & LIBRI: JULIE & JULIA (JULIE POWELL) E UN ANNO DI EINESPRESSOBITTE

Scritto da Simona Luddeni. Stanza: Cucina, Laboratorio, Libreria, Salotto

Ogni tanto la vita è bizzarra, quando ho visto per la prima volta il film Julie & Julia  non mi sarei mai aspettata di leggere il libro dal quale è tratto, anni dopo, con uno spirito così diverso.

Quando l’ho guardato la prima volta, lavoravo part time in un Block Buster per pagarmi gli studi, intanto facevo altre mille cose ed ero appena fidanzata, non sapevo bene cosa volessi fare da grande, ma sapevo che quello che volevo non era lì, non era in quella città, non era in quel paese.

Mi ero completamente scordata di quel film, fino a settembre, quando in Italia mia cognata (Daniela) mi ha regalato il libro.

Un libro che è arrivato in un momento molto particolare della mia vita, ad un mese dal mio primo corso di cucina in tedescoquando il mio “cosa voglio fare da grande” si stava delineando!

Ho iniziato a leggerlo un po’ distrattamente, ma ad ogni pagina mi sembrava di riconoscermi un po’.

È la storia di Julie Powell, una ragazza americana alle prese con la cucina francese, Julie nonostante un marito amorevole e una vita normale, ha la sensazione che qualcosa manchi nella sua vita, perciò apre un blog e inizia il suo progetto Julie/Julia.

Si pone come obiettivo quello di cucinare tutte le ricette contenute nel libro di Julia Child, “L’arte della cucina francese”ma non si tratta solo del semplice “cucinare”, si tratta di qualcosa di diverso…una sfida con se stessa e con le sue capacità.

È un progetto che la “solleva” dalla monotonia del suo quotidiano e dal lavoro poco gratificante e le apre un mondo di opportunità.

In alcuni tratti mi ci ritrovo, con obiettivi diversi, il mio blog è nato perché avevo la sensazione che mi mancasse qualcosa, ma non in termini affettivi o materiali…no, era un’inquietudine strana, ad un anno dal mio trasferimento in Germania, il continuo lamentarsi dei miei connazionali stava iniziando ad appesantirmi. Mentalmente.

Dovevo trovare un modo per esorcizzare quest’alone di negatività. E così è nato…da un giorno all’altro, senza neanche i nove mesi di gestazione 😀 

Mi ricordo che mi sono messa a spulciare la rete per capire il funzionamento dei blog, ho provato alcune piattaforme, mi sono fermata su quella più intuitiva (che ci volete fare, son donna :-) uso il Nokia perché è a prova di pirla :-D) e ho iniziato a scrivere.

Non avevo un progetto giornaliero preciso come Julie Powell, ma sapevo solo che ad ogni racconto negativo che mi era stato fatto volevo accostare una mia esperienza positiva.

E così pian piano il blog è cresciuto, i post sono aumentati e quell’inquietudine si è ritirata…a luglio mi sono comprata un dominio tutto mio e ho potuto farvi conoscere la mia passione per la cucina.

Anch’io come Julie ho passato giorni a tentare, tentare e tentare…cucina di tutti i tipi 😀 La prova vivente è mio marito che pur essendo alto 2 metri ha accusato il colpo sul giro vita. Io pure sono “in salute” 😀

Anch’io come Julie ho scoperto un mondo di opportunità e delle mie capacità che non sapevo di avere!

Diciamocelo, ma che rimanga tra noi:  ero un po’ una schiappa in cucina…sapevo fare 2 cose per bene…il resto era opinabile!

Così mi è stata data la possibilità di insegnare cucina italiana in tedesco, mi sono messa alla prova e mi è piaciuto, mi sono proposta ad altre scuole…che a loro volta mi hanno proposto dei corsi di cucina francese in francese!

A Natale mi sono ritrovata a Parigi, a finire di leggere Julie & Julia con un punto di vista nuovo, con una vita diversa rispetto a quella che avevo quando ho visto il film: lavoro per una multinazionale che si occupa di marketing, sono sposata con un uomo splendido che fa da cavia ai miei esperimenti, vivo in Germania, insegno cucina e faccio catering, insegno italiano ad una bimba tedesca meravigliosa…ho un blog e un sacco di “amici” che mi seguono!

Non so se ho capito quello che voglio fare da grande…ma so cosa voglio fare adesso 😀

Grazie a chi mi segue da un anno, grazie per aver capito lo spirito del mio blog e per averlo rispettato, grazie per le idee che mi date e per il supporto.

Prossimi corsi :

EinEspressoBitte in salute :-D

EinEspressoBitte in salute :-D

Hallbergmoos: https://vhs-hallbergmoos.de/Kontakt/importTeilnehmer_4ffe99192579e.html

Eching : http://www.vhs-eching.de/thema-kursprogramm-163423/franzoesisch-kochen-und-plaudern-cuisine-francaise-ee3971-163423

Allershausen: http://www.vhs-allershausen.de/thema-kursprogramm-163424/franzoesisch-kochen-und-plaudern-cuisine-francaise-ea3971

Potrei dire che ho visto il film in una vita e letto il libro in un’altra vita. Dicono che chi eri, chi sei e chi sarai sono tre persone diverse…dicono.

Tags: , ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

Contatti


Seguimi su:

Altre informazioni

Il blog non vuole essere uno spazio dove dare giudizi sui sistemi dei paesi, ma ha come scopo la condivisione di informazioni e il dibattito.
In soldoni ...niente “è meglio di qui” “è meglio di lì”. Ognuno sceglie ciò che è meglio per se stesso.
L'espressione corretta è EINEN ESPRESSO BITTE.... ma permettetemi questa licenza poetica :-D

Logo di EinEspressoBitte by Fabio Cento "

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Copyright 2013 EinEspressoBitte Simona Luddeni
Dr. Selmair Ring 6a 85456 Wartenberg- ID 53071594269
-

Facebook

LinkedId