UN MINUTO DI SILENZIO…FOOD DISASTER!

Scritto da Simona Luddeni. Stanza: Cucina, Laboratorio

Ok, è arrivato il momento…i tempi sono maturi per sfornare questo post, ci sono voluti  2 anni e 4 mesi (quasi la gestazione di un elefante) per prendere coraggio.

È stata lunga e sofferta la decisione, ho fatto mesi passando davanti agli scaffali rischiando mancamenti…mesi nei quali mi sono avvicinata pian piano ai prodotti, ripetendomi continuamente “Simona, ce la puoi fare, Simona sono solo dei barattoli”, e poi ce l’ho fatta…li ho affrontati, basta con questa omertà :-) sono cose che vanno dette e mostrate al mondo!

Detto ciò, vi chiedo cortesemente…un minuto di silenzio.

Un minuto di silenzio per:

 

Parliamone: io “ingenuotta che son io, ingenuotta che non sono altro” (da leggere canticchiando “io,vagabondo che sono io…”) l’ho pure comprata pensando di poterne ricavare qualche idea!

L’immagine non corrisponde propriamente al contenuto, un po’ come le foto profilo di fb, Dr Oetker ha messo la foto della Pizza Burger tappata a gara…col tacco 12. Apri il cartone e ci trovi la pizza in pigiama…due paninetti, normalissimi paninetti farciti. 

La pubblicità avrebbe dovuto dirmi molte cose…http://www.youtube.com/watch?v=uq5k-DHUknEma io ho dovuto fare come San Tommaso…avrei potuto fermarmi ai nomi: Speciale (non voglio sapere perché), Salami ( per chi vuole male a Peppa Pig) e Diavolo…che si chiama così perché una volta provata la reazione è questa:

 

Che diavolo stai dicendo Dr. Oetker?

Che diavolo stai dicendo Dr. Oetker?

 Un minuto di silenzio per:

 

 

No, non l’ho provata. No, non sono ancora pronta. 

Mi riservo il diritto di dire la mia quando e se mai avrò il coraggio di assaggiarla! Che poi, è un limite mio…un po’ come la carne di cavallo, non la mangio perché il cavallo me lo immagino che scorrazza in libertà con sopra Lady Oscar….ecco, la pizza me la immagino che scorrazza in libertà senza l’ananas sopra!!!

Wiki dice che è la pizza più popolare in Australia…sai che c’è? Facciamola anche con il canguro sopra già che ci siamo! 😀

Un minuto di silenzio per:

 

 

Si definisce miracolo (dal latino «miraculum», cosa meravigliosa) un evento difficilmente spiegabile secondo cause conosciute, e quindi attribuito a qualche causa paranormale, e specificamente ad un intervento soprannaturale o divino, e che appare svolgersi in contrasto con le leggi naturali. 

Quindi ecco spiegata la marca: Miràcoli…(con l’accento sulla a) perché va contro natura il fatto che la carbonara stia in una scatola! Secondo me quando si butta la pasta in padella suona il telefono…modello The Ring, con la voce che ti dice “Morirai tra 7 giorniiiiiii”. E fin lì…risponderei io!

Un minuto di silenzio per:

 

 

Lettera aperta al Sig. Knorr:

Caro Herr Knorr,

Io la stimo un sacco perché la mia infanzia è stata costellata dal suo sedicente dado, le stelline in brodo hanno fatto di me la donna che sono ora…salvo poi scoprire che il dado è la roba più “schifiusa” del mondo…ma vabè, erano altri tempi e la donnina sulla scatola col capello cotonato e la collana di perle era molto rassicurante.

Io le parlo col cuore in mano, non so quali sono i motivi che la spingono a produrre la Carbonara con la panna…forse un’infanzia difficile? Forse era uno di quei bimbi derisi e lei ha voluto rifarsi da grande? Non lo so, se è questo il motivo, mi dispiace, ma ci passiamo tutti…pure io venivo presa in giro perché ero cicciottella…ma non è che ora metto la salsa barbecue sugli spaghetti per prendermi la rivincita!

Le chiedo cortesemente di rivedere questo prodotto, lo faccia per un mondo migliore, per questi ragazzi che hanno pochi punti di riferimento, poche certezze…e una di queste è proprio che la Carbonara è …

 

urlo-di-munch-originale

Senza pannaaaaaaaaaa!

 

Lo faccia anche per me che ho fatto un corso da cucina di 3 ore per spiegare che la Carbonara è senza panna!!! Al prossimo corso mi farò stampare le magliette con l’immagine sopra!

Cordialmente,  sua per sempre (visto il legame che ho col suo dado)…

Simona

Un minuto di silenzio per:

 

 

Dr. Maggi???!!!! Lei mi sta dicendo che…( e qui ci vorrebbe un’immagine della D’urso di quelle che girano su Fb)…in quella scatolina ci sono le mie tre ore di smadonnamenti appresso al Ragù?

Lei mi sta dicendo che compro la scatolina, la apro, verso in padella…ed evito le 3 ore di fitness estremo davanti ai fornelli? Vuol dire che non mi devo far venire i crampi a forza di mescolare?  Mi sta dicendo che mio marito è salvo da quei pomeriggi in cui decido che va fatto il Ragù e che quindi divento suscettibile manco avessi il mestruo?

Dr. Maggi Santo Subito! Senza neanche passare dal via!

Un minuto di silenzio per:

 

 

Dr. Maggi lei lo sa vero che Giovanni Rana non è più un ragazzino vero? Lo sa che è un baldo giovinotto del ’37 che a momenti ha fatto la guerra…ma che secondo me non reggerebbe il colpo?

Questa cosa dei ravioli in lattina la teniamo tra me e lei…cerchiamo di non far arrivare la notizia a Giovannino…che non lo voglio sulla coscienza!

Ma poi…”Ravioli Diavoli”…perché? Non è un nome incoraggiante…gli “Evil Raviolo”…sembra il nome di una band metal scalercia!

Un minuto di silenzio per….chiudere in bellezza, visto la rassegna precedente per la quale ci vorrebbero ore di silenzio, vi lascio con quest’ultimo…

 

Peace, love & Pasta "shuta" a tutti!

Peace, love & Pasta “schuta” a tutti!

 

…il mio motto di solito è “Peace, love & Pastasciutta an alles” …mi sa che da oggi sarà “Peace, love e Pasta “Schuta” a tutti….NON FA UNA PIEGA…no? 😀

Simona

ps: lo spirito del blog è sempre il solito, sorridere…quindi se avete trovato questo genere di riproduzioni fatemelo sapere! Meglio farsi una risata che puntare il dito e sparar veleno! Quello fa male alla salute…ma anche la “pasta schuta”…forse 😀

 

Tags:

Trackback dal tuo sito.

Commenti (12)

  • Valentina

    |

    Mi sto sentendo male dal ridere, ora so cosa mi aspetta se mai verrò in Germania… Robe da pazzi 😉

    Rispondi

  • Giovanni

    |

    Direi che è una piccola “collezzione” (doppia L doppia Z) di bestialità alimentari ne ho viste di più incredibili. Il più eclatante è il kit per preparare 10 litri di vino barbaresco aggiungendo solo acqua alla polverina che fornivano loro.
    I ravioli se tirati fuori dalla scatola rimangono un cilindro.
    Comunque la mia preferita (non che l’abbia provata) è la “pasta schuta”.
    Li hanno giocato con la fantasia.

    Rispondi

    • Simona Luddeni

      |

      …naaaaaaa la polverina per il vino non l’avevo ancora sentita!!!! :O

      Rispondi

  • barbara

    |

    Ciao.
    Non ti voglio incoraggiare, ma la pizza Hawaii e’ leggermente piu’ buona rispetto alla pizza-spaghetti (sempre dal solito Dr).
    Per quest’ultima non ho proprio avuto il coraggio di assaggiarla!

    B

    Rispondi

    • Simona Luddeni

      |

      Mi sa che devo scrivere una lettera aperta anche a Dr. Oetker!!! Quella agli spaghetti non mi è ancora capitata sotto tiro 😀

      Rispondi

  • elenaccia

    |

    Ahahahahah! Un pomeriggio dobbiamo uscire assieme per supermercati a caccia di tesori, allora 😉

    Rispondi

  • Laura Albanese

    |

    Guten tag simpaticona!hai fatto una bella panoramica degli orrori culinari in Deutschland…Condivido in pieno!!
    Da diversi anni abito a Nizza (francia) e ricordo ancora che una delle prime volte portai a casa come souvenir una scatola di spaghetti(cotti) al pomodoro…..All’epoca, ebbi anche il coraggio di assaggiare i tortellini della stessa série . Sono sopravvisuta.
    A proposito della carbonara…non voglio darti un dispiacere grosso. Se vieni a Nizza , evita di ordinarla in un ristorante francese…rischeresti di svenire alla vista di….un uovo crudo su gli spaghetti!!!!!!
    Ciao!

    Rispondi

    • Simona Luddeni

      |

      Ciao Laura! Tu pensa che l’altro giorno mentre girovagavo in internet ho visto una foto della carbonara come dici tu…non ho avuto il coraggio di approfondire e ho chiuso subito l’immagine!!!! Dovrebbero creare il reato “oltraggio alla carbonara”!!!!

      Rispondi

  • MammaInOriente

    |

    Ti confermo che la pizza Hawaii è un must in Australia, ma anche in Cina va alla grande. Anche se lì l’ananas l’abbinano di più al salame piccante. Ti dirò che l’ho provata e non è così disgustosa come uno potrebbe immaginare però da qui ad ordinarla in pizzeria ce ne passa!

    Rispondi

    • Simona Luddeni

      |

      😀 io sono tentata….vorrei provarla, ma sono ancora titubante…:D Prenderò coraggio prima o poi!

      Rispondi

Lascia un commento

Contatti


Seguimi su:

Altre informazioni

Il blog non vuole essere uno spazio dove dare giudizi sui sistemi dei paesi, ma ha come scopo la condivisione di informazioni e il dibattito.
In soldoni ...niente “è meglio di qui” “è meglio di lì”. Ognuno sceglie ciò che è meglio per se stesso.
L'espressione corretta è EINEN ESPRESSO BITTE.... ma permettetemi questa licenza poetica :-D

Logo di EinEspressoBitte by Fabio Cento "

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Copyright 2013 EinEspressoBitte Simona Luddeni
Dr. Selmair Ring 6a 85456 Wartenberg- ID 53071594269
-

Facebook

LinkedId