RIASSUMENDO: ITALIA Sì e ITALIA NO!

Scritto da Simona Luddeni. Stanza: Salotto

Ieri scorrendo nelle varie notizie sono incappata in una cosa raccapricciante.

Su una pagina fb (Average Italian Guy), attualmente chiusa, è apparso questo stato:

average

 

Riferito alla tragedia dell’Irpinia nella quale hanno perso la vita 38 persone.

Ho avuto un moto di schifo per quelle parole partorite nel totale non rispetto di una tragedia che ha sconvolto famiglie intere.

È risalito in me quel profondo senso di vergogna che mi assale ormai da anni, ogni volta che qualche connazionale sorpassa quel limite…e mi fa vergognare, sì, perché sento che il sistema ha fallito…perché sono stati passati tutti i limiti, tutte le regole sociali…perché si è presa una strada di inciviltà…che pare senza ritorno.

Però non sono solita farmi vincere dalla rabbia e dalla negatività, e ho chiesto agli amici che mi seguono su fb di dirmi una cosa positiva e una cosa negativa dell’Italia.

Volevo stimoli che mi facessero passare questo senso di vergogna e al contempo capire se quello che vedo di negativo è condiviso da altri!

Iniziamo con le cose negative:

Immagine tratta da Internet

Immagine tratta da Internet

 

La lista è varia: provincialismo, profonda ignoranza, razzismo, bigottismo, mancanza di senso civico, maleducazione, con una classe dirigente specchio della mentalità dell’italiano medio, l’arroganza, la mentalità chiusa e arretrata, poca conoscenza delle lingue straniere, litigiosità, la superficialità e l’eccessiva importanza data all’apparenza.

A leggere queste cose tutto d’un fiato c’è da star male!

Eppure la percezione di molti è simile…allora la mia domanda è: stiamo vivendo una sensazione collettiva, e quindi  abbiamo tutti fumato la stessa roba (buona)…o c’è un fondo di verità?

È normale che non si possa fare di tutta un’erba un fascio, ma per ognuno di questi commenti ho associato un episodio della mia vita…e mi chiedo come mai il popolo di Dante si possa essere ridotto in questo modo.

Cosa è andato storto? E soprattutto perché non riusciamo a “recuperare”?

Certo, se uno si ferma a pensare, siamo rappresentati da gente che non si fa problemi nello sfottere un disabile (dalla Stampa.it)

e quelli che dovrebbero far rispettare le regole sono i primi ad infrangerle.

Ma davvero dipende tutto da questo?

Sì, certo gli esempi non aiutano di certo a migliorare le condizioni della società…ma è lo Stato che ha suggerito a quelli di Average citati sopra di scrivere quella porcheria?

Ho letto da qualche parte che nessuna singola goccia di pioggia si sentirà mai responsabile di un alluvione…mai frase fu più azzeccata per chiudere questa riflessione!

E ora…le cose positive!

positivo

Immagine tratta da Internet

 

Cucina , storia, clima, paesaggi, storia, passionalità, l’amore nel fare le cose…il caffè!

Allora quest’Italia pulsa ancora di belle sensazioni!!!

Non è solo un’Italia “tutto fumo, niente arrosto”! Qualcosa c’è…che mi fa mettere da parte quel senso di vergona…

La cucina, il buon vino, la convivialità. Aggiungi un posto a tavola che c’è un amico in più…si  diceva! 

La Storia, quella con la S maiuscola, quella che ben pochi paesi possono vantare…quella che ci annoiava sui banchi di scuola, ma che ora a pensarci bene, ci spiega molte cose.

Quella Storia che ci ha lasciato arte, monumenti, pezzi di passato che abbiamo ancora il piacere di andare a vedere.

Il paesaggio, passare dal mare alla montagna in poche ore…e che mare!…ci sono luoghi nel Sud che non hanno niente di meno dei Caraibi, e che montagne!…e lo confermo io che arrivo dalla Valle d’Aosta!

Passionalità e amore nel fare le cose, e aggiungo io…la creatività! Forse è la cosa che più ci distingue…l’arte dell’inventare e del creare!

Vi chiedo io: c’è ancora quest’Italia?…sì, secondo me c’è, ma a forza di spostare l’attenzione su altro ce l’hanno fatta dimenticare.

O almeno, parlo per me, ogni tanto me la dimentico perché mi assale la rabbia, ogni volta che ho a che fare con la burocrazia, ogni volta che leggo del potente di turno con lo stipendio lunare che si approfitta della sua posizione per i propri comodi, ogni volta che una persona viene aggredita e si poteva evitare….e ogni volta che leggo uno stato come quello citato all’inizio.

 

Simona

 

 

 

 

Tags:

Trackback dal tuo sito.

Commenti (8)

  • Vincenzo

    |

    mi hai commosso 😀 molto bello…

    Rispondi

  • Turz

    |

    A parte che non ho nemmeno capito cosa volesse dire Average Italian Guy. Che quelli del sud non sono italiani? Boh, non vedo cosa ci sia da ridere.

    Grazie per la frase sulle gocce di pioggia, è appena diventata una delle mie citazioni preferite. Ho fatto una ricerchina e l’originale dovrebbe essere di Voltaire o di Stanislaw Jerzy Lec, “Nessun fiocco di neve si sente responsabile per la valanga

    Rispondi

    • Simona Luddeni

      |

      Esatto…che visto che erano napoletani non erano italiani…terrificante è dire poco.
      Grazie per la fonte! Io l’ho letta da qualche parte ma era data “da anonimo” 😀

      Rispondi

  • rokklagio

    |

    Guarda, in quella pagina credono di fare “””satira””” su tutto – il problema è che non sono neanche capaci di produrre black humor che sia black humor, al massimo frasi da scrivere sui muri del bagno di un autogrill.

    Il tuo blog è sehr lustig invece 🙂

    Rispondi

  • Domenico

    |

    “nessuna singola goccia di pioggia si sentirà mai responsabile di un alluvione”… forse è una frase di Madre Teresa di Calcutta. Comunque complimenti per averla citata perchè rispecchia molto la nostra povera Italia, ormai nel pieno dell’alluvione.
    Grazie ancora

    Rispondi

    • Simona Luddeni

      |

      Grazie a te Domenico!!! Mannaggia…”alluvione” è proprio il termine adatto 🙁

      Rispondi

Lascia un commento

Contatti


Seguimi su:

Altre informazioni

Il blog non vuole essere uno spazio dove dare giudizi sui sistemi dei paesi, ma ha come scopo la condivisione di informazioni e il dibattito.
In soldoni ...niente “è meglio di qui” “è meglio di lì”. Ognuno sceglie ciò che è meglio per se stesso.
L'espressione corretta è EINEN ESPRESSO BITTE.... ma permettetemi questa licenza poetica :-D

Logo di EinEspressoBitte by Fabio Cento "

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Facebook

LinkedId